Loading...

ALA

Crema riparatrice anti-age
Acido Alfa Lipoico 2%

Trattamento viso antiage, illuminante, ad azione antiglicante e riparatrice. Dona alla pelle del mattino luminosità ed uniformità. L’acido alfa lipoico è stato dimostrato rallentare la glicazione proteica, causa della perdita di tono ed elasticità cutanea. L’equilibrio della frazione lipidica, unita alla sinergia dei principi attivi alto dosati, rende il prodotto un ottimo complemento negli stati irritativi dovuti a traumi meccanici o a sbalzi climatici. Idratante e riparatore nei casi di avverse condizioni climatiche, trattamento delle pelli spente o asfittiche, dona comfort e protezione. Antiage preventivo.

 
Linea: SPECIAL CARE

€52,00 
/
50 ml / Airless

USO:
quotidiano - Giorno, notte - Cicli da 60 giorni
COME SI APPLICA:

Uno o due puff di prodotto su pelle detersa e ascutta, massaggiando delicatamente con movimenti a salire.

 
PROFUMAZIONI E CONSERVANTI:
Ipoallergenica: violetta muschio bianco / compatibili bio
“ Luminosa: sempre e ovunque ”

Aqua, Simmondsia Chinensis Oil, Glycerin, Rosa Moschata Oil, Olea Europaea Oil Unsaponifiables, Squalane, Cetearyl Isononanoate, Glyceryl Stearate SE, Thoictic acid, Butyrospermum Parkii, Octyldodecanol, Cetyl Alcohol, Bis-PEG/PPG-16/16 PEG/PPG 16/16 Dimethicone, Ascorbyl Palmitate, Sodium Hyaluronate, Ubiquinone, Sodium Polyacrylate, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Benzyl Alcohol, Sodium Dehydroacetate, Disodium EDTA, Parfum.

 

Distribuire su viso, collo e decolleté evitando il contorno occhi. Applicato sulla zona periorale, può causare un leggero ed innocuo prurito, del tutto fisiologico, dovuto all’azione dei principi attivi. Potenzia considerevolmente l'azione di ACE, QEC, e Omega EQ

 

L'acido alfa lipoico è un potente antiossidante affine sia ai distretti acquosi che lipofili delle cellule, venendo per questo considerato l'antiossidante universale. Partecipa a diverse reazioni di ossidoriduzione, rigenerandoaltre molecole antiossidanti come il coenzima Q10, le vitamina C ed E. Diminuisce l'insulinoresistenza, indissolubilmente legata ai processi di glicazione proteica.